Stazioni Della Metropolitana Più Belle Del Mondo

È una galleria più lunga di qualsiasi altra nel Louvre-62 miglia d'arte. Non puoi sperare di vederlo tutto in un giorno. Sul soffitto cavernoso, una colossale installazione dell'artista Gun Gordillo, composta da cento tubi al neon, canticchia con un bagliore ultraterreno. Altrove più opere affollano le pareti: un tronco di olmo rivestito in pietra, una rovina romana ricreata, un sovrano pieghevole surreale gigante, un'apparizione spettrale di un bambino reso in vetro ... la collezione è vasta. Meno male che c'è un treno per portarti tra le esposizioni. Benvenuti nella metropolitana di Stoccolma.

In molte città, il pendolarismo sotterraneo comporta sedili sporchi, soffitti bassi, pozzanghere sospette ed evita il contatto visivo con quella tipo. Le stazioni non sono certamente una destinazione per se stessi. Ma in certi punti del mondo sono sorprendentemente grandi affari - caverne gloriose che risplendono di arte, architettura e artefatti.

Zachary M. Schrag, professore associato alla George Mason University e autore di The Great Society Subway: una storia della metropolitana di Washington, spiega che ci sono tre stili di base dell'architettura della metropolitana. In primo luogo, i sistemi utilitaristici come quelli di New York (essenzialmente quelli piastrellati). Poi c'è l'approccio commerciale al design, come London's Tube, che fornisce una distratta esperienza di vendita riempiendo ogni spazio disponibile con pubblicità e distributori automatici. Il terzo approccio, secondo Schrag, è uno che tratta lo spazio come un parco pubblico. "Dovrebbe essere bello ed edificante", dice.

Sono queste stazioni pubbliche che attirano il rispetto e l'ammirazione di pendolari, turisti, anche critici d'arte. Molte delle magnifiche metropolitane sovietiche, ad esempio, furono progettate come "Palazzi del Popolo" e non furono risparmiate spese per ottenere l'opulenza regale. Gli architetti hanno usato così tanto alabastro, onice, marmo e mosaici che se non fosse stato per il treno occasionale, penseresti che sei arrivato al Gran Palazzo del Cremlino stesso.

A Vienna, l'architetto Otto Wagner, che ha progettato il sistema della città in 1898, ha visto il suo ruolo di portare l'arte negli oggetti funzionali quotidiani, fin nei minimi dettagli. Nel suo padiglione Wagner's Court, la lussuosa sala d'attesa ottagonale è decorata con uno squisito murale che raffigura una veduta a volo d'uccello di tutta Vienna (la stazione è ora un museo). Peter Haiko, autore di Architettura del primo 20esimo secolo e professore di storia dell'arte all'Università di Vienna, spiega: "Wagner non ha progettato solo la stazione, ma è stato coinvolto in tutta la visione artistica della metropolitana, dal più grande ponte o viadotto al corrimano più sottile. Questa è stata la prima volta che un architetto ha adottato un approccio così ampio ".

Oggi, creare una metropolitana è più complesso che ai tempi di Wagner. Le leggi edilizie sono sempre più difficili da negoziare e un labirinto di conigli di utility esistenti ora affolla la terra, il che potrebbe spiegare perché così poche delle nostre superbe metropolitane sono di epoca recente. La possibilità che un grande progetto passi relativamente incolume è molto remota.

Quando una visione elevata per l'umile metropolitana riesce a riunirsi, tuttavia, il lavoro è un vantaggio per i viaggiatori sotterranei frequenti. "Un tunnel scolpito dall'uomo attraverso la terra e il rock è un tipo di posto molto speciale", ha detto Lord Norman Foster, starchitect, come parte della sua sottomissione alla progettazione di un sistema metropolitano a Bilbao, in Spagna. "La sua forma è una risposta alle forze della natura e la trama della sua costruzione porta l'impronta dell'uomo. Come hanno trovato queste qualità di forma e consistenza hanno un dramma; dovrebbero essere rispettati, non coperto per far finta che sia solo un altro edificio. Dovresti sentire di essere sottoterra e dovrebbe essere un tipo speciale di esperienza. "

La sua offerta vinse e Foster + Partners creò un capolavoro moderno. Le sue opere e il resto di queste stazioni della metropolitana degne di un museo valgono la pena.

1 di 12 Andy Markowitz

Mosca: KievskayaStation

I pilastri di marmo e i mosaici della stazione di Kievskaya emanano l'opulenza di una gigantesca stanza di polvere. La stazione è stata costruita in 1954, all'altezza di ciò che il dott. Peter Haiko dell'Università di Vienna definisce "Stalin Baroque style".

Da non perdere: Gli struggenti mosaici raffiguranti immagini di abbondanti raccolti e unità russo-ucraina, nonostante il fatto che, in 1932, l'Holodomor (la politica di fame di Stalin) abbia ucciso una stima di 10 milioni di ucraini.

2 di 12 Blaine Harrington III / Alamy

Washington, DC: MetroCenter Station

Il Metro di Washington è una rarità tra le metropolitane largamente utilitarie dell'America, secondo Zachary M. Schrag, professore di storia alla George Mason University (sulla linea arancione). "Kennedy era presidente al momento della sua pianificazione", afferma Schrag, "ed era fermamente convinto che l'architettura federale rappresentasse la dignità del governo, non la soluzione più economica possibile." Il risultato, progettato dagli architetti Harry Weese & Associates dopo Weese, una visita alle grandi metropolitane del mondo, era una serie di soffitti a volta con soffitti a cassettoni. L'elegante up-lighting e l'atmosfera silenziosa gli conferiscono un'aria ecclesiastica. E proprio come una chiesa, non c'è cibo permesso.

Da non perdere: Quando un treno si avvicina, le luci sulla piattaforma pulsano drammaticamente per annunciare il suo imminente arrivo. Trasmettimi, Scotty.

3 di 12 Marguerite Bruno / RATP

Parigi: Arts et MétiersStation

Le entrate di Art Nouveau dell'architetto Hector Guimard alla metropolitana di Parigi sono icone di un'elegante architettura pubblica. Danno l'impressione di entrare in un giardino nascosto piuttosto che in una stazione ferroviaria. Ciò che sta al di sotto è spesso qualcosa di completamente diverso, con repliche della collezione del Louvre nella stazione Louvre-Rivoli e riprodotto Rodins nella stazione di Varenne. L'interior più surreale è Arts et Métiers, progettato dall'artista belga François Schuiten. I pendolari si trovano all'interno di un sottomarino ispirato a Jules Verne, completo di oblò e ruote dentate giganti.

Da non perdere: Il museo sopra Arts et Métiers è pieno di invenzioni e stranezze risalenti ai secoli 18th e 19th, tra cui il pendolo originale di Foucault, utilizzato per dimostrare la rotazione della terra.

4 di 12 L. Kudreiyko / Aga Khan Trust for Culture

Tashkent, Uzbekistan: stazione della metropolitana Alisher Navoi

La metropolitana di Tashkent deve la sua grandezza e la sua scala alla Russia, ma il suo stile elegante alla popolazione musulmana locale. Finito in 1977 mentre l'Uzbekistan faceva ancora parte dell'Unione Sovietica, è stato costruito in un turbine di costruzioni dopo un massiccio terremoto che ha raso al suolo la città in 1966. Alisher Navoi, uno dei tre snodi principali, è un affare particolarmente importante: l'elemento distintivo è un ammasso compatto di alte cupole intarsiate di metallo in un design islamico.

Da non perdere: Esci dal cancello girevole e troverai i mercati Corsu, ottimi per i melograni, i pomodori e i cappotti tradizionali di Chapan (pensa il presidente afghano Hamid Karzai).

5 di 12 Per gentile concessione dell'Ufficio del Turismo della Spagna

Bilbao, Spagna: stazione di Moyua Square

Foster + Partners è una delle rare aziende di architettura contemporanea a progettare grandi spazi pubblici della metropolitana. L'ambiziosa metropolitana di Bilbao è stata completata in due fasi, da 1988 a 1995 e 1997 a 2004. Attraverso l'uso intelligente della luce naturale e dello spazio intuitivo, il sistema di metropolitana incoraggia i pendolari a camminare nella direzione giusta senza dover contare sulla segnaletica. "I percorsi fluiscono come camminando attraverso una scultura di caverne, che ti guida verso le caverne delle stazioni stesse", ha detto Foster del progetto.

Da non perdere: I baldacchini di vetro riparati che rendono omaggio alla metropolitana di Parigi sono diventati noti come Fosteritos: di giorno sono pozzi di luce, e di notte diventano dei fari che guidano i pendolari a casa.

6 di 12 Yana Vlasova

San Pietroburgo, Russia: Stazione Avtovo

Ironia della sorte, la stazione Avtovo di San Pietroburgo, costruita in 1955, ha più che una rassomiglianza con un altro famoso punto di riferimento: il Campidoglio degli Stati Uniti. Il tetto a cupola in stile neoclassico si trova in cima a una stazione di colonne di marmo e maestosi mosaici.

Da non perdere: Un'opera d'arte che fa riflettere fa da memoriale a più di un milione di persone che sono morte nell'assedio 872-day della città da parte delle forze naziste durante la seconda guerra mondiale.

7 di 12 Dominic Byrne / Alamy

Dubai, Emirati Arabi Uniti: Mall of the Emirates Station

In una città dove la temperatura media elevata in agosto supera i gradi 100, una piattaforma della metropolitana soffocante è l'ultimo posto che vorresti essere ... cioè, a meno che non si trovi nella metropolitana di Dubai, progettata dallo studio di architettura internazionale Aedas. Climatizzato e senza macchia, il sistema è stato inaugurato a settembre 2009 e, una volta che tutte le miglia 43 sono finite, sarà il sistema driverless più lungo al mondo. La stazione Mall of the Emirates assomiglia a una vasta ala o vela, che ricorda il passato della pesca delle perle della regione.

Da non perdere: Visita Ski Dubai, una delle più grandi piste da sci al coperto sulla terra (non menzionare l'impronta di carbonio). Situato nel Mall of the Emirates, ha aperto a novembre 2005, solo un anno dopo che gli Emirati Arabi Uniti hanno registrato la loro prima nevicata naturale nella storia.

8 di 12 Serguei Trouchelle

Kiev, Ucraina: PecherskayaStation

La stazione Pecherskaya di Kiev mescola il glamour dei film di spionaggio della Guerra Fredda con una forte dose di futurismo: la spina centrale dei lampadari modernisti e gli spessi archi ombrosi ti fanno sentire la prossima fermata potrebbe essere la luna.

Da non perdere: Il sentimento leggermente sinistro e ultraterreno non è del tutto una coincidenza; questa è una reliquia della Guerra Fredda. Gli architetti russi progettarono le loro metropolitane come profonde quanto i piedi 334 sottoterra in modo che potessero raddoppiarsi come rifugi antiaerei.

9 di 12 Martin Thomas Photography / Alamy

Stoccolma: T-CentralenStation

Negli 1950, gli artisti Vera Nilsson e Siri Derkert furono i primi in Svezia a suggerire che l'arte fosse integrata nel nuovo sistema di metropolitana. Oggi più che gli artisti 140 sono rappresentati nelle stazioni 90, sia in mostre permanenti che temporanee. Architettonicamente parlando, ogni stazione è un'opera d'arte, ma la gigantesca voragine blu della sezione Blue Line di T-Centralen, creata negli 1970s, è un clou sotterraneo.

Da non perdere: La biglietteria nord porta a Sergels Torg, una grande piazza centrale che ospita la Casa della Cultura, che ospita mostre e concerti.

10 di 12 iStock

Vienna: KarlsplatzStation

In 1898, Vienna era piena di nuove idee da luminari come Gustav Klimt, Sigmund Freud e Otto Wagner. Era il culmine della Secessione viennese, e le stazioni di Jagnendstil ("giovane stile") di Wagner, prodotte in acciaio e marmo, suscitarono molto scalpore. Il padiglione Wagner's Court ad Hietzing era inteso come la stazione della metropolitana personale della famiglia reale, con decorazioni reali da abbinare (oggi è una destinazione popolare per matrimoni). Nel frattempo, i cittadini regolari sono stati trattati per opere come la stazione di Karlsplatz, un classico esempio della visione di Wagner.

Da non perdere: La stazione funge da museo per il grande lavoro dell'architetto, mostrando progetti originali, piani principali e preziosi dettagli delle stazioni ormai scomparse.

11 di 12 Josh Chua

Mosca: KomsomolskayaStation

Situata all'incrocio di tre importanti snodi ferroviari, questa cattedrale di treni è la porta d'accesso alla Russia. Se la vasta cupola, il portico, le colonne corinzie, i dettagli barocchi ei lampadari non impressionano, allora sicuramente i mosaici lo faranno. Gli otto mosaici del soffitto, progettati dal leggendario artista Pavel Korin, rappresentano gli eroi della Russia e le migliori vittorie. (Korin è stato insignito dell'Ordine di Lenin per il suo lavoro in 1967).

Da non perdere: Molti dei mosaici sono stati modificati per eliminare figure pubbliche cadute in disgrazia. Cerca la bella fanciulla sul pannello di Victory Parade dove un tempo c'era Lazar Kaganovich (il "lupo" del Cremlino).

12 di 12 Dan Pfeffer

New York City: CityHall

C'è solo un modo per vedere la stazione City Hall a Lower Manhattan, che è altrimenti chiusa al pubblico: in un tour offerto dal New York Transit Museum. E 'stato costruito in gran parte come un terminale cerimoniale per i dignitari del governo locale (altre due stazioni vicine offrono migliori collegamenti). Si è aperto in 1904 e chiuso in 1945 a causa della mancanza di utilizzo. La stazione è ora una capsula del tempo della più grande architettura della metropolitana che New York ha da offrire: i soffitti ad arco con piastrelle Guastavino sono sormontati da lucernari decorati che fanno capolino dal City Hall Park.