Questa Isola Scozzese Abbandonata È Spettrale Ma Sbalorditiva

Nelle regioni ultraperiferiche delle isole britanniche, St. Kilda ha testimoniato la migrazione di umani e uccelli per almeno gli ultimi 2,000 anni. Abbandonato quasi 100 anni fa, l'isola deserta è ancora aperta ai visitatori che vogliono sperimentare la sua bellezza remota.

St. Kilda è formata dalle isole di Hirta, Dun, Soay e Boreray, tutte formate da un'eruzione vulcanica 52-65 milioni di anni fa al largo delle coste della Scozia. Le persone che vi si stabilirono o passarono sopravvissero per lo più all'agricoltura di sussistenza, nonostante le dure condizioni degli inverni della regione.

L'UNESCO ha definito l'isola un sito del patrimonio mondiale di 1986 per le vestigia della prima abitazione umana, nonché per la sua abbondanza di uccelli e animali selvatici.

Frans Lanting Studio / Alamy

L'organizzazione per la tutela del patrimonio mondiale ha in seguito esteso il mandato di conferire lo status di UNESCO anche alla vita marina dell'isola.

"Le immense pareti sottomarine sono addobbate con la vita marina - un caleidoscopio di colori e forme mantenuti in costante movimento dalle onde atlantiche, creando un paesaggio sottomarino di bellezza mozzafiato", si legge in un estratto dell'ingresso dell'UNESCO a St. Kilda.

St. Kilda è anche conosciuta per la sua grande varietà di uccelli selvatici, con quasi un milione di uccelli che vivono lì durante la stagione degli amori, secondo l'UNESCO.

Alcuni storici stimano che le isole siano state abitate già da 7,000 anni fa, con i vichinghi che passavano attraverso i secoli 9th e 10th, secondo quanto riferito dalla BBC. I monaci paleocristiani stabilirono l'isola nei secoli successivi, e dal 17esimo secolo, St. Kilda ospitò almeno 180 persone.

Richard Burdon / Alamy

La sopravvivenza è rimasta difficile nel 20esimo secolo, quando le forti tempeste colpivano la città e minacciavano di distruggere le case della gente e di affogare il loro bestiame. Le rimanenti dozzine di residenti hanno chiesto di essere reinsediate dal governo britannico in 1930, e da allora l'isola è rimasta disabitata.

I visitatori possono accedere a St. Kilda via barca per vedere alcune delle sue alte scogliere, baie incontaminate e uccelli selvatici.