Sri Lanka Ha Spiagge, Parchi Safari E Tè Spettacolari Paese-Qui È Come Combinare Tutti E Tre Nel Viaggio Perfetto

Ogni anno, il mio figlio di 14, Luca, e io condividiamo una tradizione. Intorno al giorno del suo compleanno, a febbraio, facciamo un lungo viaggio materno-figlio. Il riassunto è che deve essere qualcosa di educativo, qualcosa di divertente, ma soprattutto di legame. Significa che deve essere un'esperienza di cui possiamo parlare ancora e ancora, un tempo in cui creiamo ricordi. Durante il nostro primo viaggio, abbiamo imparato come fare immersioni nelle Maldive, esplorare le barriere coralline e nuotare con i pesci tropicali più squisiti; un altro anno abbiamo esplorato Stasiland, nell'ex Berlino Est, e abbiamo appreso la storia della Guerra Fredda.

Quest'anno, abbiamo deciso che il suo viaggio di compleanno sarebbe stato in Sri Lanka. Su questa isola relativamente piccola e diversificata, potremmo avere tre vacanze diverse in un solo viaggio - un vantaggio sempre più viaggiatori stanno diventando saggi, grazie alla ripresa postbellica dello Sri Lanka in corso. Io e Luca amiamo entrambi fare surf e nuotare nell'oceano, e un amico che vive part-time a Galle, sulla costa sud-occidentale, ci ha detto che le spiagge per il surf intorno a loro erano tra le migliori che avesse mai visto. Potremmo anche visitare la regione del tè, in alto nell'entroterra montuoso dell'isola, e conoscere il passato coloniale dello Sri Lanka.

Da sinistra: la lobby di Cape Weligama, un resort esclusivo sulla costa meridionale dello Sri Lanka; surf nell'Oceano Indiano vicino al resort. Tom Parker

E poi c'è la fauna selvatica. Da quando Luca era piccolo e lo leggevo Il libro della giungla e Dove sono le cose selvagge, Ho promesso di portarlo un giorno in un safari. Il mio lavoro di reporter di guerra ha significato spendere lunghi periodi in Africa, e ricordo così bene la prima volta che ho visto le giraffe all'aperto; la prima volta che ho aspettato nella nebbia fredda del mattino per vedere un leone; la prima volta mi sono svegliato all'odore della terra umida e degli animali, così vicini.

Mio figlio ed io siamo entrambi affascinati dai grandi felini, e il Yala National Park, a circa 100 miglia ad est della capitale dello Sri Lanka, Colombo, ha una delle più alte concentrazioni di leopardi del pianeta. Per mesi prima del nostro viaggio, abbiamo navigato su Internet insieme, ricercando le loro abitudini (molte donne sono madri single, come me - un dettaglio che ho trovato incoraggiante). Abbiamo parlato di cosa avremmo fatto quando abbiamo visto il nostro primo. "Mamma, qualunque cosa tu faccia, tu non può coccolateli, "mi diceva Luca. "Questi non sono gatti del bambino. Sono animali viziosi! "

Così, quando i nostri velivoli Cessna hanno finalmente toccato i minuti 45 da Yala, siamo stati pronti. Uscimmo dall'aereo in un tripudio di calore e attraversammo una serie di piccoli villaggi, oltre a scolari con uniformi color pastello e bancarelle che vendevano frutta e verdura caleidoscopica, finché non arrivammo al nostro campo base: Wild Coast Tented Lodge.

Wild Coast Tented Lodge, una nuova proprietà safari sulla costa meridionale dello Sri Lanka. Tom Parker

Il resort, che ha aperto lo scorso autunno, è piuttosto spettacolare. Si compone di 28 suite a forma di bozzolo bordate dal parco da un lato e dall'Oceano Indiano dall'altro. Una serie di percorsi tortuosi nella giungla ci ha portato al nostro pod, dove abbiamo trovato pavimenti in legno lucido, mobili in stile coloniale e una vasca indipendente in rame. C'era anche un piccolo portico anteriore dove potevamo sederci e guardare cervi ed uccelli esotici e colorati venire a bere in un abbeveratoio a pochi passi di distanza.

Il mare vicino a Yala è troppo difficile per nuotare - le onde si infrangono e si infrangono contro un muro di roccia fiancheggiato da ricci di mare, e siamo stati avvertiti di non essere troppo vicini al bordo. (Il nostro ospite, il geniale Teddy Roland, ci raccontò la storia di un turista cinese che insistette per fare un selfie, cadde sugli scogli e dovette essere mandato in ospedale per togliere le spine dai ricci di mare.) Ma non lo fece Non importa: la piscina scavata nella roccia era così bella che eravamo felici di lavare via gli effetti del nostro viaggio lì. Teddy ci ha invitato per un cocktail a un tavolo che aveva allestito sul bordo del mare; Ne avevo uno con succo di anguria fresca e arak, lo spirito locale, mentre Luca aveva un finto mojito. Abbiamo mangiato dei molluschi freschi all'aperto a un tavolo a lume e, più tardi, ci siamo addormentati al suono delle onde.

Non ero mai stato in Sri Lanka prima, ma a gennaio 2005, quando Luca aveva solo 10, volavo in Tamil Nadu, nel sud dell'India, per riferire di bambini rimasti orfani dallo tsunami dell'Oceano Indiano, che avevano colpito poche settimane in precedenza. Appena un paio di centinaia di miglia a sud di dove sono stato pubblicato, più di 30,000 Sri Lankans era morto e 25,000 era stato ferito quando l'onda ha colpito l'isola. E 'stato un altro colpo mortale per un paese già decimato dalla lunga e aspra guerra tra il governo ei separatisti delle Tigri tamil che alla fine avrebbero rivendicato le vite di 100,000.

In 2009, il conflitto degli 26-year si concluse definitivamente con una vittoria governativa sulle Tigri, e sebbene ci siano ancora tensioni tra le comunità cingalese, tamil e musulmana, l'isola è rimasta in gran parte tranquilla da allora. Oggi il paese si trova in una buona posizione: il danno provocato dallo tsunami è stato riparato, e le persone sono fiduciose. Il turismo diminuì durante la guerra, ma ora i turisti si riversano nelle spiagge isolate dello Sri Lanka, nelle pacifiche piantagioni di tè e in straordinarie riserve naturali.

Durante la nostra prima mattina a Yala, fui svegliato prima dell'alba da richiami di uccelli che non avevo mai sentito prima. Prendendo il caffè in veranda mentre Luca dormiva in casa, mi sono seduto nella penombra e ho ascoltato una colonna sonora totalmente diversa da quella dei miei soliti habitat di Parigi e Manhattan. Più tardi quel giorno ho saputo che, nei minuti precedenti lo tsunami, non c'erano stati richiami di uccelli. "Gli animali sapevano che stava arrivando qualcosa", ha detto la nostra guida safari, un avvocato ambientalista tirocinante di nome Chandika Jayaratne. La maggior parte della fauna selvatica era fuggita su un terreno più elevato quando le tre onde giganti hanno colpito Yala e allagato gran parte del parco nazionale, inclusa una pensione in cui un gruppo di turisti dello Sri Lanka 47 ha perso la vita.

Non dovevamo allontanarci molto dalla Wild Coast per incontrare l'abbondante fauna di Yala. Mentre avanzavamo per la strada verso il parco il primo mattino, un elefante arrivò arrancando verso la nostra jeep e spinse uno degli specchietti laterali con il suo baule, buttandolo a terra e bloccato abbastanza a lungo da far crescere la nostra guida. . "Sono molto più grandi nella vita reale", sussurrò Luca, quando l'animale alla fine perse interesse e andò via.

Da sinistra: una suite per gli ospiti al Wild Coast Tented Lodge; elefanti nel Parco nazionale di Yala, vicino al lodge. Tom Parker

Non tutti quelli che vengono a Yala vedono un leopardo, ma abbiamo avuto la fortuna di avvistarne uno solo un'ora dopo essere entrati nel parco. È uscito da dietro una roccia, a circa 100 di distanza. Maestoso, arrogante e incredibilmente bello, guardò verso una fila di jeep da cui i turisti stavano girando la scena con i loro telefoni. Il gatto sembrava completamente impassibile dalla folla. "Sa che siamo qui?" Chiese Luca. "Oh, lo sa, va bene," disse Chandika. Aveva visto il leopardo con i suoi cuccioli il giorno prima, quindi abbiamo aspettato a lungo per loro di apparire, ma non lo fecero.

All'ora di pranzo tornammo in albergo, facemmo una nuotata in piscina e iniziammo a prepararci per la seconda parte del nostro safari, che ci portò nella parte più rocciosa, più drammatica del parco noto come Block Five. La maggior parte dei visitatori rinuncia a questa zona perché è un disco più lungo dall'ingresso del parco, ma abbiamo deciso di andare intorno al tramonto per vedere quali animali potrebbero uscire a mangiare e bere prima del buio.

A metà del safari, scendemmo dalla jeep e scendemmo per un sentiero in cui Chandika e Teddy avevano preparato un high tea a sorpresa nel mezzo della foresta, con tanto di torta di compleanno per Luca. Mentre le scimmie sfrecciavano sull'albero sopra di noi, bramando i nostri panini, Luca disse alla squadra della Wild Coast come era nato in 2004 - l'anno della scimmia - così suo padre lo chiamò le petit singeo piccola scimmia.

Una cosa che abbiamo imparato rapidamente è che l'unico modo per apprezzare la fauna selvatica era quello di essere pazienti. Più tempo passavamo tranquillamente guardando e aspettando, più ci vedevamo svolazzare intorno a noi, come tableaux nascosti. C'erano elefanti nobili e una sfilata infinita di pavoni, cervi maculati, coccodrilli, scimmie e tartarughe - di cui Chandika sembrava sapere tutto. "Se sei paziente e di mentalità aperta", ci ha detto, "vedrai cose meravigliose." Lo stesso Chandika ha dato un grande esempio, dando risposte ad ognuna delle nostre domande - "Cosa mangiano i pavoni?" "Cosa corre più veloce , un leopardo o un cervo pomellato? "- non importa quanto banale.

Entrambi ci sentimmo assonnati mentre ci alziamo presto il giorno dopo per guidare fino a Cape Weligama, un resort sulla spiaggia sulla costa meridionale di proprietà di Resplendent Ceylon, l'azienda a conduzione familiare dietro Wild Coast Tented Camp. Lì abbiamo incontrato Malik Fernando, il cui padre, Merrill, ha fondato quello che sarebbe diventato il famoso impero Dilmah Tea dello Sri Lanka in 1988. "Siamo una famiglia di produttori di tè", ci ha raccontato Malik durante la notte con pesce fresco e curry di verdure. "Ma siamo anche albergatori casuali." Dilmah era il primo marchio di tè di proprietà del mondo, e gli hotel della famiglia nacquero dal desiderio di mostrare agli ospiti le piantagioni. I cinque bungalow del Ceylon Tea Trails sono stati aperti ai visitatori in 2005; poi, in 2014, la famiglia ha lanciato il resort balneare più esclusivo dello Sri Lanka.

La spiaggia vicino a Cape Weligama. Tom Parker

In questo luogo idilliaco, che si trova a poca distanza lungo la costa da Galle, Luca e io abbiamo trascorso le nostre giornate nell'Oceano Indiano. Ho portato mio figlio nell'oceano con me quando aveva solo poche settimane, e come risultato condividiamo l'amore per l'acqua. In quei mari azzuri, abbiamo passato ore a nuotare, a galleggiare, a sognare. Avevamo il nostro bungalow con una piscina privata dove le scimmie gelose che vivevano nel nostro giardino venivano a rubare i nostri croissant mattinieri. E 'stato assolutamente felice.

Questa parte della costa un tempo era conosciuta per i suoi pescatori su palafitte, che pescano pesci dai posatoi a diversi metri sopra l'oceano. Oggi, i locali pescano principalmente dalla riva, anche se una mattina, camminando vicino alle pozze poco profonde dell'oceano, io e Luca abbiamo visto un gruppo di uomini che pescavano in modo tradizionale, in equilibrio su palafitte e lanciando le loro canne dall'alto dell'acqua.

Per vedere la terza parte dell'impero della famiglia Fernando, abbiamo volato in idrovolante fino alla città di Hatton, nella provincia dello Sri Lanka centrale, dove i loro bungalow di Ceylon Tea Trails offrono agli ospiti un assaggio della vita nelle piantagioni. Hatton giace più di 4,000 piedi sopra il livello del mare, e quando il nostro aereo ha toccato il Castlereagh Reservoir, c'era una leggera nebbia sospesa sull'acqua. Le colline circostanti erano ricoperte da una rigogliosa vegetazione; qua e là potevamo vedere donne in sari rosa piegati su file di cespugli di tè, raccogliere foglie.

Qui è dove viene coltivato il miglior tè dello Sri Lanka. A partire dalla metà del 19 secolo in poi, il tè di Ceylon era un alimento base dell'economia coloniale britannica. Ha portato enormi entrate a un piccolo gruppo di fioriere bianche, che vivevano in queste colline in grande stile, conservando molte tradizioni da casa. Gli operai erano per la maggior parte tamil del sud dell'India, che alla fine costituivano il 10 per cento della popolazione dell'isola. Come in molte colonie, le vite dei lavoratori erano molto meno piacevoli dei loro datori di lavoro ". Luca, che ha passato molto tempo nelle ex colonie francesi africane, è stato particolarmente colpito dalle storie che abbiamo sentito della loro situazione.

Tramonto su Castlereagh Resevoir Tom Parker

Mentre salivamo sulle rive del lago, io e Luca vedemmo cinque bungalow appollaiati sull'acqua. Continuando a scattare dal volo, salimmo sulla collina fino a Castlereagh, il bungalow dove dovevamo rimanere. La nostra camera si affacciava sull'acqua; era allestito con grandi mobili antichi; e venne con un maggiordomo, che ci portò il tè del mattino a letto, secondo la tradizione dei piantatori (anche lui si offrì di fare il bagno, ero troppo imbarazzato per accettare). La casa era piena di libri e vecchi nazionale Geograficos, e nel giardino abbiamo trovato un'idilliaca piscina ombreggiata e sentieri che conducono verso le colline.

Siamo arrivati ​​pochi giorni prima di Poya, la celebrazione buddista dello Sri Lanka e la sera, e di sera sentivo il canto devozionale dei monaci sul lago. Al tramonto il cielo si riempì di strisce di rosa, lavanda e blu pallido, e l'aria divenne fredda. Seguendo un'altra tradizione della piantatrice di tè, il maggiordomo costruiva i fuochi nei salotti la sera e portava gli ospiti a whisky single-malt.

I nostri giorni erano pigri e ristoratori. Una mattina andammo a piedi nella vicina tenuta di Dunkeld e osservammo come le foglie venivano trasformate in tè; un altro giorno abbiamo camminato nelle languide colline. Principalmente leggiamo, nuotiamo e mangiamo. Il cibo era notevole - specialmente l'high tea servito prontamente alle quattro, un affare in stile inglese composto da panini al cetriolo, torte alla crema e focaccine.

Da sinistra: l'high tea al Ceylon Tea Trails è servito prontamente alle quattro; il Dunkeld Bungalow, uno dei cinque cottage di Ceylon Tea Trails negli altopiani dello Sri Lanka. Tom Parker

Sulla via del ritorno a Colombo, avevamo programmato di visitare Diana de Gunzburg, la mia vecchia amica che ora vive part-time in Sri Lanka. Stanco degli inverni grigi di Parigi, un giorno andò a prendere una vecchia piantagione di tè fuori Galle. Progetta di aprire un centro di salute ayurvedico per i motivi.

Diana ci ha fatto fare un giro nella città vecchia di Galle, un labirinto di stradine costeggiate da negozi che vendevano spezie, tessuti e ciondoli religiosi. Ho comprato camicie da notte bordate di pizzo come regali per gli amici. "Sembrano qualcosa che Stella McCartney avrebbe progettato", ha detto Diana. Abbiamo comprato il gelato al cocco e scalato le mura della fortezza, seguendo un gruppo di scolari con lunghe trecce sulle loro spalle.

Quella notte le feste della Poya arrivarono al culmine, con gli adoratori che affollavano i loro templi per ricevere benedizioni. L'amica di Diana ci aveva organizzato per andare al suo tempio locale, dove vagammo per i giardini e incontrammo un giovane monaco che ci avvolse i polsi con un filo bianco e pregò per la nostra protezione.

Siamo tornati dallo Sri Lanka da poche settimane, ma sto ancora indossando il mio braccialetto bianco. Luca e io non possiamo smettere di parlare del viaggio. "Ti ricordi quando abbiamo visto il leopardo?" "Ti ricordi quella scimmia che mi sibilò?" Continuo a guardare il volo di ritorno a casa da Parigi a Colombo, nel momento in cui Luca e io salimmo sull'aereo e ci infilammo nei nostri posti. , ancora pieno delle sensazioni condivise dal sole e dall'avventura. Ho pensato, anche a questo, che il viaggio, il viaggio di ritorno, sarà qualcosa che condividiamo sempre.

Da sinistra: un elefante vicino al parco nazionale di Yala, che ospita anche una delle più grandi concentrazioni di leopardi del mondo; un pescatore su palafitte nelle acque al largo di Weligama, sulla costa meridionale dello Sri Lanka. Tom Parker

Come arrivare e muoversi

Le connessioni più facili con Colombo (CMB) attraversano Londra, Delhi o i principali hub del Golfo come Doha o Abu Dhabi. Per la maggior parte, abbiamo girato il paese in aereo; i trasferimenti di auto sono semplici da organizzare, ma le strade tortuose possono fare brevi viaggi in viaggi lunghi ore. Cinnamon Air offre trasferimenti in taxi per le città e le località turistiche di Colombo e Kandy. Prenota con largo anticipo, poiché i voli sono richiesti. Abbiamo effettuato il viaggio nel seguente ordine, ma le posizioni possono essere cambiate in base alle tue preferenze.

Colombo

La maggior parte dei voli internazionali atterrano nelle prime ore del mattino, quindi consiglio di fermarti un giorno a Colombo per orientarti. Siamo stati allo Shangri-La, a Colombo (raddoppia da $ 180), che ha aperto l'anno scorso. La struttura dispone di una bella piscina e una spa, il luogo perfetto per sbarazzarsi del peggio del jet lag. Questo, e il suo eccellente ristorante dello Sri Lanka, Kaema Sutra, ha atterrato la proprietà Viaggio +Tempo libero's 2018 Elenco dei migliori nuovi hotel del mondo.

Hatton

Il mattino seguente, prendemmo un idrovolante per le piantagioni di tè di Hatton. Il viaggio è spettacolare, dopo 40 minuti di guardare fuori dalla finestra, incantati, ti atterri sulle acque color smeraldo del Castlereagh Reservoir. Il nostro rifugio c'era Ceylon Tea Trails (raddoppia da $ 722, tutto incluso), un gruppo di bungalow coloniali restaurati sulle colline di una tenuta da tè funzionante.

Yala National Park

Abbiamo volato da Hatton al Yala National Park, atterrando circa 45 minuti dal parco sulla costa meridionale dell'isola. Molte proprietà in questa regione lussureggiante sono state ricostruite dopo lo tsunami 2004, ma l'opzione più recente è Wild Coast Tented Lodge (raddoppia da $ 445, tutto incluso). Questa collezione fronte mare di ville simili a bozzoli nella giungla costiera è stata anche un onore per 2018 It List di T + L'.

Weligama e Galle

Da Yala siamo arrivati ​​a Weligama nel sud-ovest, in un viaggio di quattro ore. L'area ha un numero di hotel boutique e ostelli per il surf; la nostra scelta è stata l'immacolata Cape Weligama (raddoppia da $ 364), che, quando fu aperto in 2014, fu il primo resort balneare a cinque stelle della costa meridionale. Da Weligama, abbiamo fatto un breve viaggio fino a Galle, una città fortezza coloniale che negli ultimi anni è diventata di gran moda con visitatori e espatriati internazionali, che hanno portato con sé bar, boutique e moderni ritiri yoga. Scopri i tessuti, perché i sarti di Galle possono fare copie dei capi preferiti in cotone e seta locali.

Tour operator

Gli esperti dell'Asia meridionale di Greaves Tours offrono una serie di itinerari in Sri Lanka, compresi viaggi organizzati da consulenti come Carole A. Cambata, che appare regolarmente sulla lista A di T + L dei migliori specialisti di viaggio (itinerari di nove giorni da $ 2,789).

Cosa portare

Contiene un sacco di repellente per zanzare, crema solare con un alto SPF e abbigliamento leggero e modesto per safari e visite ai templi.