Smart Car Convertible

Ecco il mio problema con le auto americane di oggi: non hanno senso dell'umorismo. Sono così compiaciuti e seri, così pieni di gravitas, e così dannatamente grande. E con poche eccezioni, sembrano tutti uguali. Ai vecchi tempi, l'automobile di un uomo era un'estensione della sua personalità, che fosse un yuppie o un ingrassatore, un hippie o un atleta. Ora ogni macchina sembra essere un'estensione di John Ashcroft - severa, stoica e semplicemente non divertente.

Il che mi porta alla Smart-Car, una minuscola biposto prodotta da Daimler-Chrysler e venduta in tutta Europa e in Giappone. Debuttando in 1998 come alternativa al tetto del ciclomotore, è stato progettato per attirare i conducenti urbani, o chiunque sia disposto a sacrificare la vanità per migliorare il chilometraggio, le basse emissioni e la possibilità di parcheggiare all'interno di una cabina telefonica. Anche rispetto ad altre auto eco-compatibili, la Smart era oltre piccola: solo otto piedi di lunghezza, cinque piedi più corto di un Maggiolino VW. Sembrava un fermaporta. La maggior parte lo liquidava come uno scherzo, e quasi nessuno ne comprò uno.

Bene, dai qualcosa di abbastanza stupido al tempo e alla fine sembrerà un po 'freddo. I progettisti hanno creato modelli più nuovi con un aspetto più audace, più campane e fischietti e funzionalità di sicurezza migliorate. Da allora il marchio ha conquistato alcuni piloti 430,000, e ora la linea comprende una decappottabile (la Cabrio) e un'elegante automobile sportiva (la Roadster, che uscirà in Europa questa primavera). Se non sei uno di quei conducenti che identificano la dimensione del loro veicolo con quella di altre appendici, e se hai il senso dell'umorismo, lo Smart potrebbe essere solo per te. Infatti, Daimler-Chrysler alla fine spera di introdurre il marchio in America, molto probabilmente in città con parcheggi limitati. Nel frattempo, Avis, National e altre società stanno affittando la Smarts ai turisti in Europa, non solo per la guida in città, ma anche per le gite in campagna.

Tieniti in campagna? Certo, la Smart è l'ideale per, diciamo, lo shopping al tartufo nel Marais. Ma un Barcalounger a tre cilindri può portare realisticamente una coppia in un viaggio in giro per la Costa Azzurra? Può sopportare quelle sconfinate autostrade francesi? I tortuosi passi di montagna della Grande Corniche? Può competere nelle enclave di Monaco o ... forse più importante, il suo piccolo baule può contenere un bagaglio di quattro giorni? Durante un recente viaggio in Riviera, io e la mia ragazza abbiamo accettato la sfida.

Abbiamo imballato la luce, solo una rollaway e uno zaino. Ovviamente, ridurre al minimo il bagaglio è una cosa; il restringimento delle parti del corpo è un altro. Ho sei piedi e sono abituato alle acconciature che si aggrappano alle statiche, sfregandomi la testa sui tetti delle auto. Quando l'agente di noleggio a Nizza ci mostrò la nostra piccola Cabrio, il mio collo si tese in preda al panico. Ma l'interno era più spazioso di quanto sembrava, con un buon cinque pollici di margine. In effetti, durante il viaggio, abbiamo spesso dimenticato di essere in una minuscola auto finché non siamo scesi.

La nostra decappottabile Cabrio Passion era di colore rosso-arancio ("Phat Red", la società lo chiama) con finiture in argento. "All'esterno, sono tutti pannelli di plastica", disse l'agente, "in modo che l'esterno possa essere sostituito in pochissimo tempo". Questo non sembrava incoraggiante: una macchina con la parte in plastica? L'agente ha rapidamente placato le nostre paure. "Non preoccuparti, questa è una delle auto più sicure che puoi guidare." Perché? L'acclamata "cella di sicurezza Tridion" di Smart circonda i passeggeri in una robusta gabbia di acciaio che ha superato i crash test a pieni voti.

Con una velocità massima di 85 mph, Cabrio non è il giro più veloce del blocco, ma ottiene più di 50 miglia al gallone (un vantaggio positivo, dal momento che un gallone costa fino a $ 5 in Francia). E il modello 2002 non ha un aspetto tanto divertente quanto i suoi predecessori. È ancora carino, ma in maniera elegante. I quadratini indicatori con gli occhi sbarrati escono dal cruscotto, come qualcosa del catalogo di design Alessi. I sedili sono imbottiti in tessuto traspirante, con prese d'aria posteriori che fanno circolare l'aria sulla schiena. Per i conducenti più seri, la trasmissione ti consente di scegliere tra cambio automatico e manuale. Le nostre borse si adattano bene nel vano bagagli, tutti e nove i piedi cubici di esso. In breve (e intendo "corto"), il Cabrio aveva quasi tutto il necessario in un'auto a noleggio. Tutto ciò che mancava era un adesivo che mostrava MON AUTRE VOITURE A UN MOTEUR ("LA MIA ALTRA AUTO HA UN MOTORE").

I cieli sparirono non appena lasciammo l'agenzia di noleggio a Nizza, come per onorare il nostro pacchetto di gioia Phat Red. Mi guidò verso la spiaggia, slalomando senza sforzo attraverso il traffico del centro. Salutammo l'autista frustrato di un SUV mentre il nostro vivace piccolo Astérix superava la sua obliqua Ford Obélix.

Il parcheggio si è rivelato un brivido singolare. Mi sono ritrovato a spremere in spazi minuscoli solo per vedere se potevo, quindi chiudere di nuovo la cerniera. A La Vieille Ville di Nizza, ho effettivamente parcheggiato perpendicolarmente in un punto parallelo, anche se sospetto che fosse illegale. Il parcheggio era vicino al Café de Turin, vicino a Place Garibaldi. Le donne nizzarde erano in fila davanti alla bancarella del pescivendolo, quindi ci fermammo per un pranzo di ostriche, gamberi e ricci deliziosamente salati.

Lavorare in giro per la città non è stato un problema per la Smart. La vera prova venne in viaggio verso il villaggio di montagna di Èze, a sole sette miglia a est di Nizza. Nelle colline sopra la costa si nasconde un tortuoso panorama di tornanti, tunnel neri come la pece e vertiginose pareti rocciose, spaventose in ogni veicolo, per non parlare di un fermacarte troppo cresciuto. L'ascesa di 1,300-piede ispira una crisi esistenziale ad ogni turno. (La strada è giustamente intitolata a Friedrich Nietzsche.) Il Cabrio avrebbe fatto la scalata? Ha aiutato che i "paddle" aggiuntivi del cambio di marcia sono montati sul volante, per un facile spostamento in curva. (Ho afferrato la ruota con entrambe le mani fino in fondo.) E il motore ha prodotto una potenza impressionante anche sulle pendenze più ripide.

Non sono ammessi veicoli nel villaggio vero e proprio, le cui strette viuzze sono state costruite abbastanza largamente per i carretti degli asini. Le scalinate medievali e le stradine acciottolate si riempiono di gruppi turistici, ma dopo il tramonto sembravamo avere il villaggio illuminato dalla luna. Passeggiammo per passaggi a volta illuminati da torce e inciampammo in giardini nascosti che odoravano di salvia e di fiori d'arancio.

Il nostro hotel, il Château de la Chèvre d'Or, era diverso nello spirito da un'auto intelligente come un hotel potrebbe essere: seriamente vecchia scuola e ridicolmente lussuosa. The Edge, chitarrista di U2, ha tenuto il suo matrimonio qui lo scorso giugno. "Mi chiedo se fosse la stanza di Bono", disse la mia ragazza mentre facevamo colazione sul nostro balcone. La vista era straordinaria; potremmo discernere il profilo sfumato della Corsica appena sotto l'orizzonte. Un parapendio alla deriva sulla brezza, solo 100 a pochi metri di distanza.

Ma il nostro buggy da spiaggia si è dimostrato troppo difficile da resistere. Abbiamo ronzato lungo la costa: dall'alto in basso, il sole irrompe nella radio italiana. Ho persino avuto il coraggio di provare l'autostrada, la superstrada della Francia. La Smart non ha tremato troppo alla massima velocità, anche se abbiamo dovuto urlare sopra il rombo del motore.

Dopo un po ', ho iniziato a sospettare che il misuratore del gas fosse rotto: perché l'ago non stava andando giù? Alla fine, ci siamo fermati solo una volta per riempire il serbatoio da sette litri. Eppure coprivamo un sacco di miglia 400 a terra, dalle lontane cime di Cap Ferrat e Cap Martin alle colline di limoneti sopra Mentone, la più italiana delle città della Riviera. Siamo andati ancora più lontano del previsto, facendo il viaggio fino a St.-Paul-de-Vence per vedere i Mirós e i Giacometti alla Fondation Maeght, il magnifico museo a forma libera e il giardino delle sculture dove al chiuso e fuori si fondono senza soluzione di continuità. Abbiamo esplorato le altezze vertiginose della Grande Corniche, tirando su ad ogni svolta per una vista del Mediterraneo che è stata ancora più drammatica della precedente.

E, naturalmente, dovevamo andare a Monaco. C'era qualcosa di irresistibile nel guidare un'auto così sfidante, piccola ed ecologica, nella capitale mondiale dell'eccesso.

Monaco non ha confini tangibili; sapevamo che eravamo arrivati ​​solo quando abbiamo notato una Rolls-Royce Silver Shadow con una parabola satellitare sul tetto. Quello, ei grattacieli in equilibrio precario sulle ripide colline. Non c'è quasi più spazio per nuove costruzioni in questo regno di tre miglia e ancora meno spazio per le automobili. Ma questo non ha impedito a residenti e visitatori di pilotare le loro balene di lusso 20 giù per le tortuose strade contorte di Monaco: abbiamo guardato un gatto grasso in un Humvee tentare una semplice svolta a sinistra (l'intera procedura ha richiesto diversi minuti mentre avanzava avanti e indietro dozzina di volte). Dimenticare Il piacere di guida-Questo era puro schadenfreude.

In un traffico così frustrante, siamo stati contenti di avere l'auto, dato che ci ha portato in quartieri che forse non abbiamo esplorato a piedi (le colline assurdamente ripide di Monaco fanno una passeggiata). C'erano le tranquille strade residenziali di Beausoleil, sopra Monte Carlo, con le facciate ocra Belle Époque, i lampioni intagliati e le scatole delle finestre piene di gerani. Il mercato all'aperto di Condamine, con i suoi fiori e prodotti brillanti, sembrava più adatto a un villaggio di campagna. Dopo la lucidatura e la finzione di Monte Carlo, l'aria salmastra lungo le banchine era rinfrescante.

Mentre altri conducenti sono stati costretti a parcheggiare negli innumerevoli garage sotterranei di Monaco - a volte Monaco sembra un grande garage con un paese in cima - siamo sempre stati in grado di incunearsi in uno spazio libero sulla strada. Per fortuna, dal momento che trovare la via per uscire da quei lotti sotterranei è un lavoro ingrato.

Quando ci siamo fermati al casinò di Monte Carlo quella sera, ci aspettavamo di provocare una massiccia convulsione di risatine. Quest'ultima fermata è stata l'ultima prova: dopo tutto, Place du Casino è per le auto di lusso quali sono le passerelle di Parigi e Milano per le supermodelle. Le folle si radunano ogni notte per osservare i Lamborghini. Ma quello che è successo è stato uno strano rovesciamento: la gente ha ignorato la Maseratis e si è accalcata attorno al nostro piccolo e grazioso Cabrio. "Oooh! Regardez la Smaht!" loro piansero.

Parcheggiammo accanto a una Bentley e girammo per la piazza. Tre americani posarono per fotografie mentre si appoggiavano al nostro minuscolo cappuccio. Non mi importava. E quando ho premuto il pulsante del telecomando sul mio portachiavi da 20 a pochi metri di distanza, anche l'autista Bentley ha fatto una doppia ripresa mentre il tetto della Cabrio si chiudeva magicamente. Molto James Bond.

Siamo rimasti solo 10 minuti all'interno del casinò, che era sorprendentemente senza vita. La vera azione era fuori sulla piazza. Ho visto una diva con un parasole in pelliccia di ghepardo entrare nell'Hôtel de Paris, con un Pekingese in un cardigan alla pecorina con pelliccia di ghepardo. Volevo ridere, ma il suo sangue freddo mi ha fatto riconsiderare. E mi ha colpito il fatto che ciò che rende europei in modo così indelebile l'Europa è la loro impenetrabilità all'imbarazzo.

Quindi abbiamo abbassato la testa, fatto girare il motore e lentamente abbiamo fatto il giro della piazza nel nostro piccolo go-kart manqué. E se guardassimo un po 'sciocco, beh, ci siamo adattati bene.

ITINERARIO: NICE DA MONTE CARLO

Giorno 1: Da Nizza, prendere la N98 verso sud-ovest fino a Cagnes-sur-Mer e seguire D36 verso nord in direzione di Vence. Prendi il D2 verso St.-Paul-de-Vence. Seguire D36 e N98 indietro verso Nice. Ad est di Nizza, la N98 diventa la Corniche di Basse (Lower), che si porta a Èze-Bord-de-Mer e Èze-Village. Giorno 2: Dal villaggio di Èze, scendere lungo lo stesso tornante per Èze-Bord-de-Mer, quindi proseguire lungo la Basse Corniche ovest fino a Cap Ferrat. Giorno 3: Da Èze-Bord-de-Mer, seguire la Basse Corniche est, passando per Cap d'Ail, fino a quando non si vedono le indicazioni per Monaco. Rimanere sulla corsia di destra e seguire le indicazioni per Fontvieille e l'Hôtel Columbus.

Al momento della stampa, gli Smarts erano disponibili per l'affitto solo in Europa; i prezzi per Cabrio convertibles partono da $ 67 per il fine settimana e $ 148 per la settimana. Prova Avis (www.avisworld.com), National (www.nationalcar.com), Hertz (www.hertz.com) e Europcar (www.europcar.com). All Smarts sono biposto, con spazio per due valigie.

DOVE ALLOGGIARE
Château de la Chèvre d'Or Anche se non ti fermi la notte, fai un salto a cena al ristorante a due stelle Michelin con vista sul mare. (Nota: Chiuso Nov. 12-Mar. 6.) Doppio da $ 260. Rue du Barri, Eze-Village, Francia; 33-4 / 92-10-66-66; www.chevredor.com
Hôtel Columbus Questo sexy boutique hotel è un'ode al minimalista cool in Monaco. Doppio da $ 222; 23 Ave. des Papalins, Fontvieille, Monaco; 377 / 92-05-90-00; www.columbushotels.com

DOVE MANGIARE
Café de Turin Cena per due $ 60. 5 Place Garibaldi, Nice, France;
33-4/93-62-29-52
MIGLIOR VALORE Il Terrazzino Semplice ristorante italiano in stile familiare con una fedele clientela monegasca. Cena per due $ 50. 2 Rue des Iris, Monte Carlo, Monaco; 377 / 93-50-24-27

MUSEI E SOGNI
Fondation Maeght St.-Paul-de-Vence, Francia; 33-4 / 93-32-81-63; www.fondation-maeght.com
Casinò Monte-Carlo Place du Casino, Monte-Carlo, Monaco; 377 / 92-16-23-00; www.casino-monte-carlo.com

Château de la Chèvre d'Or

Complesso di edifici in pietra e un ristorante stellato Michelin 2 situato su una scogliera sopra il Mediterraneo.

Hotel Columbus