La Storia Di Saab In Svezia

Stavo facendo progetti per comprare una nuova macchina quando giunse voce che una cintura di sicurezza di 1995 Saab 9-5 di mio padre era stata masticata dal suo cane. Presto circolò un quiz pop tra la mia famiglia: "Quanto devi pagare un rivenditore Saab per sostituire una cintura di sicurezza?" La maggior parte delle ipotesi era compresa tra $ 200 e $ 300. La risposta: $ 635. A questo oltraggio si aggiungeva il fatto che, non tanti anni prima, io stesso avevo posseduto una Saab il cui tronco inspiegabilmente prendeva fuoco - un incidente anomalo, sì, ma i ricordi lunghi corrono nella mia famiglia.

Così, quando ho annunciato che stavo acquistando un nuovo Saab 9-3, la reazione non è stata positiva. L'auto è una guida comoda e fluida, ho sottolineato, fa molto bene nei crash test e le cinture di sicurezza sono coperte da una garanzia di cinque anni. Neanche quel bel design scandinavo fa male. Questi argomenti non mi hanno dato un sorriso incoraggiante. Ma poi ho detto che stavo prendendo la macchina in Svezia, dove sarebbe costata almeno 5 per cento in meno rispetto agli Stati Uniti, un risparmio che pagherebbe più di una settimana di ferie. Per finire, due biglietti aerei di andata e ritorno sarebbero stati gentilmente concessi da Saab (e avevo sentito dire che Scandinavian Airlines in realtà serve frutta fresca e caffè espresso), così come una notte in hotel, cena e colazione. All'improvviso, Saabs non suonava così male.

Acquistare un'auto all'estero - una Saab o una Volvo in Svezia, una BMW, una Porsche o una Mercedes in Germania - non è una novità. Ma non è mai stata una pratica comune per gli americani, ad eccezione dei diplomatici. Poche persone si rendono conto che è un modo ingegnoso per vedere l'Europa: una vacanza con una missione è sempre più divertente e guidare la propria auto consente di risparmiare denaro che altrimenti verrebbe risucchiato nel vuoto dell'affitto. Puoi ritirare l'auto e consegnarla in diverse città, con decine di opzioni: iniziare a Parigi, guidare fino a Roma e tornare a casa da lì. Non c'è cattura. L'azienda spedisce l'auto al rivenditore più vicino a casa sua a proprie spese.

Mio marito, Terry, e io scelsi di prendere un volo diretto da New York alla città portuale di Göteborg, sulla costa sud-occidentale della Svezia, e raccogliere la nostra Saab nello stabilimento di Trollhättan, una città bucolica a un'ora nell'entroterra di Göta ?? lv . Avremmo risalito la costa verso la Norvegia, attraversando la Svezia, passando per il lago più grande del paese, Vänern, e facendo scendere la macchina a Stoccolma.

Un gruppo di taxi - tutti Saab e Volvo - ci hanno accolto fuori dall'aeroporto di Göteborg. Con nostro disappunto, il taxi inviato da Saab per portarci al nostro hotel era una Volvo - noi stessi avevamo faticato a scegliere tra le due marche, dal momento che l'auto che sostituivamo era una vecchia Volvo che era stata buona con noi. Abbiamo anche avuto il nostro figlio di due anni, Aidan, a rimorchio e un bambino in arrivo: cosa stavamo facendo raccogliendo una berlina sportiva Saab invece che l'ultima auto di famiglia?

Ma il tassista era affascinante, e il viaggio piacevole (e prepagato da Saab). Dal lunedì al sabato, l'azienda mette gli ospiti vicino a Trollhättan nel maestoso hotel Ronnums Herrgård del 18 secolo, con i pasti al suo ristorante, uno dei più famosi in Svezia. I soggiorni di domenica notte si trovano nel centro di Göteborg, all'Hôtel Eggers, ed è stato il piccolo ingresso acciottolato di quest'ultimo che ci è stato consegnato.

Costruito in 1859, la camera 67 Eggers è tipica degli alberghi urbani europei di quell'epoca: ha una grande facciata in pietra calcarea segnata da un'insegna al neon rossa; una lobby con lampadari di cristallo a cascata e mobili in pelle; e le camere degli ospiti con ampi pavimenti di pino bianco addolciti dall'età, insieme a finestre con le imposte di otto metri che si affacciano su una piazza e un canale.

Il mattino dopo alle nove, un tassista - questo guidava una Saab, grazie a Dio - stava aspettando di portarci e il nostro bagaglio (compreso il seggiolino dell'auto di Aidan, che avevamo portato da casa) al Museo e alla fabbrica di Saab. Nascosto in una bella collina, l'ex hangar per aeroplani a Trollhättan era pieno di esempi di tutti i modelli Saab realizzati da 1947. Marie-Louise Rudh, allora coordinatrice delle vendite europee, ci ha accolto con un abito blu. Dato che i bambini sotto 12 non sono ammessi durante il tour di fabbrica, abbiamo deciso di fare il tour mentre Terry e Aidan si guardavano attorno nel museo. Quando tornavo, prendevamo la nostra macchina.

La fabbrica era un trionfo dell'ordinanza scandinava: robot e macchinari nei toni del giallo, del blu, del rosso, dell'arancio e del viola che si muovevano con perfetta sincronia al ronzio dei motori; lavoratori che cavalcano le zone in bicicletta con ceste di fronte. La mia parte preferita: l'enorme robot a due braccia che bloccava simultaneamente finestre rettangolari sulla parte anteriore e posteriore di ciascuna vettura, in un movimento che somigliava al pugilato alle orecchie di qualcuno.

Al museo, Terry, Aidan e io aspettavamo con impazienza di incontrare la nostra nuova macchina. Marie-Louise ci condusse in un corridoio di lucenti piastrelle di linoleum bianco in un'enorme stanza bianca ugualmente lucente. Con un sorriso piacevole, si avvicinò a una nuova Saab 9-3 d'argento e si fermò accanto ad essa, con il braccio teso, come una hostess di giochi che ci presenta il nostro premio. Ci avvicinammo provvisoriamente. Sedili in pelle grigia. Tetto apribile. Spostamento dello stick. Piatti svedesi Tutto era in ordine. Aidan entrò, afferrò il volante e lasciò cadere il suo spuntino di uvetta sul pavimento. La macchina era davvero nostra adesso.

Ci fu un breve scambio di documenti (senza soldi - che era stato curato a casa) e manuali, comprese le informazioni su dove portare l'auto a servizio gratuitamente se dovesse, perire il pensiero, crollare durante le nostre vacanze. Marie-Louise ci ha consegnato il tradizionale dono svedese di buona fortuna di un piccolo cavallo di legno dipinto. Poi un'enorme porta automatica del garage si aprì in fondo alla stanza. Abbiamo caricato e siamo andati via.

Sentendosi a piedi e senza fantasia, ci dirigemmo verso ovest. Presto stavamo accelerando lungo la strada costiera, la foresta cedeva a scogliere frastagliate e promontori serpeggianti. Occasionalmente, abbiamo deviato su strade non asfaltate che si snodavano nei boschi davanti a fattorie bianche. Il mondo era la nostra ostrica, abbiamo scherzato - o, più precisamente, la macchina era la nostra macchina, e sebbene non fossimo mai stati in Svezia, guidare la nostra Saab ci ha fatto sentire come clienti abituali, viaggiatori esperti, persone che sanno. Nessuno ci guardava come turisti quando siamo scivolati nel parcheggio con un traghetto che ci avrebbe portato al villaggio dell'isola di Marstrand. Siamo stati una notte all'Hotell Nautic, abbiamo visitato la fortezza medievale dell'isola e abbiamo mangiato un favoloso pasto a base di carne e mirtilli nel ristorante del Grand Hotell. Ma durante tutto questo, abbiamo perso la nostra macchina.

Riuniti sulla terraferma, attraversiamo dolci colline, piccole fattorie e boschi che circondano il lago Vänern. Quando siamo arrivati ​​a Stoccolma, siamo andati nell'elegante Berns Hotel per alcuni giorni e abbiamo festeggiato la Saab. Quando possibile, abbiamo scelto di navigare nella rete di strade e penisole della città con le nostre nuove ruote. Ci siamo fermati per un drink nella hall del Lydmar Hotel, tristemente alla moda e fumosa, abbiamo visitato il Moderna Museet, nel quartiere di Götgatan. In tutto, ci siamo immersi nell'aura della proprietà. Per tutto l'orgoglio che ci ha dato, avresti pensato che la Saab fosse la nostra piccola porzione di proprietà immobiliari svedesi.

Dove alloggiare e mangiare

Ronnums Herrgård 468-30 Vargön; 46-521 / 22-32-70, fax 46-521 / 26-00-09; www.softwarehotels.se/ronnum; raddoppia da $ 130. Gli acquirenti Saab spesso soggiornano qui, in una delle camere semplici 60 sparse nei giardini della tenuta. Il ristorante, Restaurang, serve filetto di alce grigliato con sugo di mirtilli e patate aromatizzate con formaggio svedese Västerbotten (cena per due da $ 80).
Hôtel Eggers DrottningtorgetGöteborg; 46-31 / 806-070, fax 46-31 / 154-243; raddoppia da $ 91.
Hotell Nautic 6 Långgatan, Marstrand; 46-30 / 361-030, fax 46-30 / 361-200; www.hotellnautic.com; raddoppia da $ 93.
Grand Hotell Marstrand; 46-30 / 360-322, fax 46-30 / 360-053; www.grandmarstrand.se; raddoppia da $ 154. Il cibo del ristorante è allo stesso tempo sostanzioso e delicato: carni teneri e salse di frutta, zuppe cremose, servite in una sala a lume di candela (cena per due da $ 90).
Hotel Lingatan 80 Brastad; 46-8 / 5234-4200, fax 46-8 / 5234-4459; raddoppia da $ 110.
Hotel Berns Berzelii Park, 8 Näckströmsgatan, Stoccolma; 46-8 / 5663-2000, fax 46-8 / 5663-2201; www.berns.se; raddoppia da $ 246.
Lydmar Hotel 10 Sturegatan, Stoccolma; 46-8 / 5661-1300, fax 46-8 / 5661- 1301; raddoppia da $ 217. C'è un eccellente ristorante (provate il salmone con pancetta e risotto al vino rosso) e una lobby che funge anche da bar e lounge di sera, con musica jazz dal vivo.