Rebirth Of The Capitol Skyline Hotel

Tutti conoscono il Capitol Skyline Hotel ", dice il mio tassista mentre usciamo da Reagan National di Washington, DC, non è un complimento." Non vuoi andare in giro ", continua l'autista, cupo. Dovrò chiamare un taxi se vuoi andare ovunque. I taxi non vanno in giro da queste parti. "

Dopo un viaggio di due miglia su I-395, saliamo giù dall'autostrada, scendiamo nel quartiere e, pochi secondi dopo, fermiamo sotto la porta cochère dell'hotel, che sporge dalla facciata come la pinna caudale di alcuni primi anni Sessanta. berlina di lusso. Altri presagi sono evidenti: un cartello all'esterno avverte gli ospiti che le porte anteriori sono chiuse di notte e una guardia in divisa si aggira nell'atrio. Dall'altra parte della strada è un rifugio per i senzatetto e un parco pubblico che è stato un rifugio per criminali.

Ma uno sguardo più attento racconta una storia molto diversa.

Quando Steve Rubell e il suo compagno, Ian Schrager, aprirono lo Studio 54 a New York in 1977, Manhattan, come la sezione sud-occidentale di Washington, era considerata una giungla urbana. Nella sua breve ma brillante incarnazione originale, la discoteca A-list ha segnato la rinascita della città. Rubell e Schrager hanno aperto due hotel di Manhattan, i Morgans e il Royalton, dando il via alla nascita dell'hotel boutique.

Dopo la morte di Rubell, in 1989, suo fratello, Don, un ginecologo, e i figli di Don - Jennifer e Jason Rubell - ereditavano la sua metà di quelle proprietà. Vendettero il loro interesse a Schrager e unirono le forze con Mera Rubell, la moglie di Don e la madre dei bambini, che aveva iniziato la sua carriera come sviluppatrice in 1992 su Lincoln Road a Miami Beach a South Beach quando era un quartiere degradato pieno di architetture trascurate gemme. Con Jennifer responsabile della concettualizzazione estetica, Don supervisiona i numeri operativi giornalieri, Jason si occupa di finanza e costruzioni, e Mera funziona come un "cavallo di battaglia" autoproclamato, i Rubells aprono tre boutique hotel nel loro sud della Florida. Lanciati a metà degli anni '90, Albion e Greenview furono un fattore importante nel revival di South Beach, e la Beach House portò il fascino nella zona altrimenti tranquilla di Bal Harbour. Steve sarebbe stato orgoglioso.

Mentre la famiglia stava riflettendo sull'ulteriore espansione, un agente immobiliare mostrò loro una foto del Capitol Skyline di Washington, DC, che faceva parte della catena Best Western. Quando fu aperto per la prima volta nei primi anni sessanta, lo Xnumx-room Skyline - cinque isolati dal Campidoglio degli Stati Uniti - rifletteva quel tempo esuberante e ottimista. L'edificio, che sembra un nido d'ape dell'era spaziale, è stato progettato da Morris Lapidus, l'immigrato russo la cui prima commissione architettonica era stata l'hotel kitschy Fontainebleau a Miami Beach. (Lapidus esprime al meglio la sua filosofia nel titolo della sua autobiografia: Troppo non basta mai.) Il Green Bar, con le sue pareti di vinile color smeraldo e il suo vinile nero imbottito, era un ritrovo del Senato. Le bancarelle e il bancone del Congressional Coffee Shop attiravano gli addetti alla Hill. Il Campidoglio è così vicino all'hotel che potresti quasi toccarlo dalla tua finestra; la metà delle camere è rivolta verso l'esterno (altre si affacciano sulla piscina). E l'inquietante indirizzo e il garage sotterraneo dello Skyline lo rendevano perfetto per quel tipo di legami governativi che ora animavano le lenzuola degli scandali, ma che allora frusciavano solo lenzuola.

L'economia e l'umore nazionale si inasprirono negli anni settanta, e così anche nel sud-ovest. Ma la posizione appena fuori strada dell'autostrada, le tariffe basse, la vicinanza al Campidoglio e la proprietà familiare originale mantennero l'hotel in funzione. Sono anche queste qualità a definire il Best Western, il marchio fondato in 1946 come sistema di rinvio informale per i suoi membri, che a quei tempi erano tutti operatori di motel indipendenti. I Best Western, insieme a Holiday Inns e una manciata di altre catene, sono diventati il ​​McDonald's degli alloggi, offrendo camere pulite, letti confortevoli, un senso di familiarità e la promessa di valore, in genere in vista di una delle autostrade che collegavano gli americani la loro terra di abbondanza. Oggi, con più di 4,000 avamposti in tutto il mondo, Best Western offre ai suoi iscritti un sistema di prenotazioni, marketing completo, identità del marchio, un programma di assicurazione della qualità, servizi di progettazione e formazione del personale, il tutto pagato da tasse e quote dagli hotel partecipanti .

I Rubell caddero per il design contraddittorio dell'edificio: interni in stile coloniale avvolti in un pacchetto modernista, con finestre in stile TV incastonate in una facciata di cemento bruto macchiato con scaglie di marmo. Inoltre, una proprietà del medio Atlantico darebbe un equilibrio stagionale al loro portafoglio alberghiero in crescita. "È stato un periodo di espansione imperiale", dice Jennifer. "Questo è stato il nostro primo passo fuori da Miami." Con la decoratrice formata da Polo Ralph Lauren, Scott Sanders, lei e Mera hanno cercato di creare un'altra proprietà alla moda. Non avevano intenzione di aprire un hotel Best Western o addirittura economico. Ma quando il venditore non è riuscito a mostrare alla chiusura programmata, i Rubells sono finiti in tribunale per anni, durante i quali l'economia è crollata, gli imperi boutique come Ian Schrager hanno rabbrividito e, infine, gli eventi di settembre 11 hanno dato il via a un business dell'ospitalità che è stato già giù.

Più i Rubells hanno preso in considerazione la situazione dopo la chiusura della proprietà in agosto 2002, più hanno sentito che sarebbe stato errato ripensare l'hotel. "Era concepito come un Best Western", dice Jennifer. Cosa potrebbe esserci di più americano che venire nella capitale della nazione nella benzina della famiglia e stare proprio lungo la strada in un hotel a motore con una gigantesca piscina all'aperto? (Che, va aggiunto, non è mai stata esattamente una cosa facile da trovare nel centro del distretto.)

"Veniamo dal lato del business in cui le persone si aspettano il lusso e sono molto viziati", dice Jennifer. Lapidus aveva progettato una clientela molto più ampia e, improvvisamente, raggiungere quelle persone sembrava non solo una sfida, ma anche un business intelligente. "Quindi abbiamo mantenuto tutti gli elementi", dice Mera. "Tutto è nuovo, ma è nello spirito di Morris Lapidus." La famiglia mantenne lo staff sindacale, molti dei quali avevano lavorato lì per decenni, e mantenne persino l'associazione Best Western.

Gli hotel boutique "sono un'idea antiquata, lo sai?" Dice Jennifer. "Siamo diventati più interessati a un vasto pubblico, nessun design intimidatorio, nessuna connotazione di elitismo o esclusività".

L'anno scorso i Rubell andarono a una convention Best Western, dove incontrarono altri proprietari e presero un corso intensivo sui valori dell'azienda. "Quella convenzione ci ha insegnato che fare una scenata kitsch sul Best Western sarebbe antipatico", dice Jennifer. "Siamo andati là pensando che tutto sarebbe stato tra virgolette - i copriletti floreali più difficili - e siamo stati davvero commossi dall'esperienza, vedendo le persone fare qualcosa di sincero".

Invece di creare un meta-Best Western, i Rubell puntavano a un Best Western migliore. Hanno usato solo fornitori e materiali approvati - set da letto Thomasville American Heritage, carta da parati vinilica lavabile e piastrelle di porcellana italiana e granito. "Fondamentalmente", afferma Sanders, "queste stanze non si consumeranno mai, sono indistruttibili". I Rubell sembrano essere parte di una tendenza: Holiday Inn sta ora rinnovando la propria immagine per riferirsi al suo passato iconico.

Ma hanno anche "spinto al limite l'estetica del Best Western", dice Jennifer, chiedendo ai venditori di proporre progetti che mettessero in risalto la visione di Rubells. "Volevamo la madre di tutti i Best Western", dice Mera. Decisero che tutto all'interno delle stanze sarebbe stato il blu, il rosso e l'oro della bandiera della catena. Famosi collezionisti della scena artistica contemporanea, i Rubells hanno voluto un'arte che riflettesse sia il loro concetto per l'hotel sia il loro gusto personale. Sperando di trovare grandi ritratti presidenziali, si diressero verso lo Smithsonian, a pochi minuti di distanza. Non ce n'erano, ma nel negozio di articoli da regalo Mera trovò riproduzioni in pergamena della Costituzione e poster con ogni presidente degli Stati Uniti.

Non potrebbe essere meno alla moda. E questo è il punto. "L'anca è stupida", dice Jennifer. "Certo, ci sono clienti che obietteranno a questo hotel, ma il novantacinque per cento del mondo lo adorerà."

Il Best Western certamente lo sa. I Rubell dimostrano, afferma Carolyn Marion, portavoce del marchio, che "il Best Western non è adatto a tutti, risponde alla domanda dei consumatori per la standardizzazione del servizio, ma non standardizza l'hotel stesso".

Quando ero allo Skyline a fine settembre, la ristrutturazione della proprietà era pressoché completa: le rifiniture venivano messe nelle due sale da ballo, negli ascensori e in alcune scale e aree seminterrate. L'area barbecue all'aperto sul tetto smerlato era chiusa per l'inverno, e il ristorante, il 19th Green, sembrava desolato: niente commensali, solo un tipo con un cappello da camionista a guardare il calcio sulla nuova TV a schermo piatto sopra il bar. Dal momento che il servizio in camera non è disponibile, ho fatto colazione a buffet nella caffetteria, ora chiamata Skyline Diner e decorata con cabine in vinile caramello e tende alla veneziana. Era perfettamente adeguato e, a $ 9.95, abbastanza economico. Ma il menu della cena: primi piatti e sandwich, "tonno hawaiano", "pollo ameretto [sic], "e la bistecca serviva in tre modi - potrebbe trarre beneficio da una rinfrescata." Fortunatamente il signor Panich, il cabriolet non ufficiale del Capitol Skyline per gli anni 20, stava aspettando nel disco circolare e mi portò al Palm, a soli 10 minuti di distanza Nel centro di Washington, è interessante notare che anche i tassisti parlano dei nuovi arrivati ​​da South Beach. "Ho sentito che questa simpatica signora ha appena comprato l'hotel", dice Panich. "I nuovi uffici stanno aumentando e sta migliorando. Ha un buon tempismo. "

In effetti, il Capitol Skyline è stato annunciato come il presagio della rinascita del suo quartiere. Quel rifugio per senzatetto, che occupa un'ala del Millennium Arts Center, sta per essere trasferito. Gli appartamenti di alto rango che affittano per $ 1,200 al mese, a pochi isolati dalla collina, sono stati aperti. E girano voci che il governo federale stia per costruire un enorme complesso di uffici dall'altra parte della strada.

"Posso dirti?" Dice Mera. "Questo è meglio di South Beach: abbiamo avuto degli abusivi senzatetto che vivevano ad Albion e Greenview quando li abbiamo presi".
BEST WESTERN CAPITOL SKYLINE, 10 I St. SW, Washington, DC; 800 / 458-7500 o 202 / 488-7500; www.bestwestern.com; raddoppia da $ 119.

MICHAEL LORD è un editore di T + L.

Hotel Capitol Skyline

Il Capitol Skyline Hotel è famoso per le sue feste in piscina all'aperto nei fine settimana estivi, che portano greggi di gente del posto che spera di essere vista e abbronzarsi. A sud del Campidoglio degli Stati Uniti, questo hotel è anche comodo per il fiorente quartiere di Navy Yard, dove troverete il Nationals Park, un lungomare panoramico e molti nuovi e interessanti ristoranti.