Il Mistero Delle Cascate Di Sangue Dell'Antartide È Stato Finalmente Risolto

Quando gli esploratori scoprirono il volto apparentemente macchiato di sangue del Ghiacciaio Taylor in Antartide nei primi 1900, pensarono che fossero le alghe rosse a colorare le macabri cadute che trasudavano dal ghiaccio.

In seguito gli scienziati hanno teorizzato che non si trattava né di sangue né di alghe che scorrevano lungo il ghiacciaio. Invece, le cosiddette Blood Falls sono create mentre l'acqua salata ricca di ferro si ossida. Ora, uno studio pubblicato questo mese sul Journal of Glaciology ha confermato le teorie secondo cui un lago di acqua salata di milioni di anni è intrappolato sotto il ghiacciaio, lisciando ferro dalla roccia circostante, e che un "sistema idrologico" trasporta la salamoia rosso-ruggine attraverso crepacci pressurizzati nel ghiaccio.

Per tracciare il percorso dell'acqua salata rossa, la squadra ha usato il suono della radio-eco per amplificare il contrasto tra il ghiaccio glaciale fresco e la salamoia salata. Quello che hanno trovato è una complessa rete a monte che si estende su quasi 1,000 piedi.

Le loro scoperte non spiegano solo in che modo Blood Falls viene alimentato con un flusso infinito di acqua marina primordiale - i risultati spiegano anche come l'acqua liquida possa continuare a scorrere per millenni attraverso il ghiaccio solido.

"Anche se sembra controintuitivo", ha detto il glaciologo Erin Pettit Science Daily"L'acqua rilascia calore mentre si congela e il calore riscalda il ghiaccio più freddo circostante".

Il mistero delle cascate di sangue dell'Antartide potrebbe essere risolto, ma è comunque uno spettacolo piuttosto terrificante - specialmente se si considerano i resti perfettamente conservati di pinguini e foche intrappolati sul ghiacciaio.