Otto Segreti Del Taj Mahal

Per i visitatori per la prima volta in India, è quasi impossibile saltare il secchio Taj Mahal. Il mausoleo di Agra è il monumento più famoso dell'India e un santuario sublime per l'amore eterno. Costruito tra 1632 e 1647 dall'imperatore Mughal Shah Jahan, il Taj Mahal era dedicato alla moglie preferita di Jahan, Mumtaz Mahal, che morì durante il parto. Ma nonostante la sua statura iconica, gran parte della sua storia è ancora avvolta nel mistero. Ecco alcune cose sulla meraviglia rivestita di marmo che potresti non aver conosciuto.

Le illusioni ottiche possono essere individuate ovunque

Gli architetti e gli artigiani del Taj Mahal erano maestri di proporzioni e trucchi d'occhio. Ad esempio, quando ti avvicini per la prima volta al cancello principale che inquadra il Taj, il monumento appare incredibilmente vicino e grande. Ma quando ti avvicini, si riduce di dimensioni, esattamente l'opposto di quello che ti aspetteresti. E anche se i minareti che circondano la tomba sembrano perfettamente in piedi, le torri in realtà si sporgono verso l'esterno, il che serve sia per la forma che per la funzione: oltre a fornire un equilibrio estetico, i pilastri si sgretolano dalla cripta principale in un disastro come un terremoto.

Il mito più famoso è probabilmente falso

Secondo una leggenda popolare, Shah Jahan voleva disperatamente che il mausoleo fosse un capolavoro squisito senza eguali. Per assicurarsi che nessuno potesse ricreare la bellezza del Taj Mahal, Shah Jahan si è presumibilmente tagliato le mani e ha scavato gli occhi degli artigiani e degli artigiani. Nonostante la prevalenza di questo raccapricciante racconto, gli storici non hanno trovato prove a sostegno della storia, sebbene aumenti il ​​dramma della tragedia romantica.

Entrambi i cenotafi sono vuoti

All'interno del Taj Mahal, i cenotafi che onorano Mumtaz Mahal e Shah Jahan sono racchiusi in una camera a otto lati decorata con pietra dura (un intarsio con pietre semipreziose) e uno schermo di reticolo di marmo. Ma i bellissimi monumenti sono solo per lo spettacolo: i veri sarcofagi sono in una stanza quieta, al livello del giardino.

È (quasi) perfettamente simmetrico

Il Taj Mahal è l'apice dell'architettura Mughal, costruito con una simmetria impeccabile secondo le dottrine dello stile del periodo. I minareti fiancheggiano la tomba a cupola e una piscina centrale riflette l'edificio principale. I giardini - una rappresentazione terrena del paradiso - sono divisi in quadranti, e gli edifici gemelli in arenaria rossa (una moschea orientata a est e una casa ad ovest) danno al complesso del mausoleo un'armonia equilibrata. C'è, tuttavia, un'eccezione. Il cenotafio di Shah Jahan è posizionato in modo particolare ad ovest dell'asse centrale, eliminando l'equilibrio. La strana posizione ha portato molti a credere che non avrebbe mai voluto essere sepolto lì.

Il Taj ottiene trattamenti per il viso regolari

L'età e l'inquinamento hanno messo a dura prova la scintillante facciata in marmo bianco del Taj Mahal, che ha assunto un colore giallo-brunastro in condizioni fuligginose. Di certo, al monumento viene assegnata una giornata termale. In particolare, un viso chiamato mudpack multiani mitti. Questa ricetta tradizionale usata dalle donne indiane per ripristinare la luminosità viene applicata e poi lavata via con i pennelli, dopo di che le imperfezioni del Taj svaniscono e il suo bagliore ritorna.

Cambia colore durante il giorno

Uno dei richiami del Taj Mahal è la sua tonalità in continua evoluzione. Dall'alba al tramonto, il sole trasforma il mausoleo. Può sembrare grigio perlato e rosa pallido all'alba, bianco abbagliante a mezzogiorno e bronzo arancio quando tramonta il sole. Di sera, il Taj può apparire blu traslucido. I biglietti speciali sono anche venduti per le vedute di luna piena ed eclissi.

Un secondo Taj Mahal in marmo nero era in programma

Ricorda la collocazione casuale del cenotafio di Shah Jahan? La tradizione locale dice che Shah Jahan voleva costruire un'immagine d'ombra attraverso il fiume Yamuna: un identico ma opposto Taj Mahal, scolpito nel marmo nero, dove sarebbe stato sepolto. Si diceva che la costruzione si fermò dopo che Shah Jahan fu deposto da suo figlio (ironia della sorte, un figlio di Mumtaz Mahal) e imprigionato nel vicino Forte di Agra. Alcuni storici hanno liquidato questa storia anche come folclore.

Era tanto un simbolo del potere quanto dell'amore

Gli account hanno dimostrato che, come leader, Shah Jahan era più spietato che romantico. Nonostante tutte le sue associazioni di devozione e ardore, il Taj era anche una fonte di propaganda. La simmetria ordinata del complesso simboleggia il potere assoluto, la perfezione della leadership di Mughal. E la sua grande scala e stravaganza (cristallo, lapislazzuli, marmo di makrana, turchese) portò solo gloria al regno di Shah Jahan.