La Cina Sta Mandando La Polizia A Sorvegliare I Siti Turistici Italiani

In una nuova affascinante collaborazione, la Cina sta mandando agenti di polizia a Roma e Milano per aiutare le forze italiane a pattugliare i siti turistici e aiutare a mantenere i visitatori sani e salvi.

I poliziotti cinesi partecipano a un programma di scambio nella speranza di assistere gli oltre tre milioni di visitatori cinesi che si riversano in Italia ogni anno. La Cina ha inviato un gruppo di ufficiali nella speranza che la loro presenza possa alleviare i timori dei turisti cinesi che sono nervosi sulla scia degli attacchi a Parigi e in Belgio.

Mentre Il guardiano riferisce che i tassi di criminalità e omicidio in Italia sono ai minimi storici, il governo è disposto a fare di tutto per assicurarsi che i turisti cinesi benestanti si sentano abbastanza sicuri per continuare a visitare e fare shopping in Italia.

Questa è la prima volta che la Cina ha inviato ufficiali in Europa per proteggere i turisti, secondo Liao Jinrong, il capo della cooperazione internazionale presso il Ministero della Pubblica sicurezza che ha recentemente parlato conIl guardiano.

I quattro ufficiali cinesi hanno ricevuto una formazione speciale a Pechino e parlano italiano e inglese. Una volta in Italia, gli ufficiali sono stati abbinati a un partner italiano e hanno poteri di polizia limitati mentre erano in servizio pattugliando le attrazioni turistiche più frequentate di Roma. Ad esempio, gli ufficiali cinesi saranno di stanza nella Galleria Vittorio Emanuele di Milano, pronti ad aiutare i turisti cinesi a denunciare crimini come borseggio o aggressione o contattare le autorità.

Secondo CNN, in 2015 su 109 milioni di turisti cinesi con un potere di spesa stimato di $ 229 miliardi viaggiato all'estero, con l'Europa come destinazione preferita al di fuori dell'Asia.